Archivi categoria: Attualità

Arriva il D-day della politica italiana


Domenica si va a votare per la diciottesima legislatura della Repubblica italiana, in un clima di incertezza senza precedenti per quanto riguarda le possibili (o impossibili) maggioranze di governo. Sono le prime elezioni con la nuova legge elettorale, il Rosatellum, che nella parte proporzionale segue un meccanismo piuttosto complicato e non immediato. Per conoscere al cento per cento chi può essere eletto serve infatti un calcolo complesso che rende opaco l’intero meccanismoContinua la lettura di Arriva il D-day della politica italiana

Molto rumore per nulla

La doppia farsa del Referendum lombardo

Alla fine non succederà nulla. Lo strombazzatissimo Referendum per l’autonomia della Lombardia del 22 ottobre si dissolverà, senza lasciare traccia di sé. Il Presidente Roberto Maroni ha messo in scena una doppia farsa a beneficio delle proprie ambizioni alle elezioni regionali del prossimo anno: per questo ha indetto un nebuloso e costoso referendum  e, per farci capire quanto il nostro voto sia importante, ha organizzato un cerimoniale inutilmente propagandistico e ipertecnologico.

In occasione del voto del 22 ottobre, la Regione Lombardia sperimenterà per la prima volta un sistema di voto elettronico: per questo sono stati acquistati 24mila tablet con relativo software da utilizzare nei circa 8mila seggi lombardi. Quindi niente più matite e schede cartacee.  Continua la lettura di Molto rumore per nulla

Prove di paura

Dopo tanti anni, non so ancora bene cosa significhi veramente comunicare, scrivere. Le parole e le immagini ci allettano, affascinano, lusingano, ma possono anche ingannare e tradire. Pur tra mille dubbi, cerco di utilizzare bene questi strumenti e di non fare disinformazione.

Fare appello alle paure più recondite e irrazionali, fare leva sul panico, diffondere una cattiva informazione vuol dire fare un uso decisamente indebito della parola e delle immagini.  Continua la lettura di Prove di paura

Partito Democratico s.n.c.

Sarà che, col passare degli anni, si ha sempre più nostalgia del tempo trascorso, o sarà che che, a una certa età, il passato sembra più avventuroso del futuro, certo è che il mondo politico e la civiltà culturale degli anni Sessanta e Settanta ci sembrano oggi scomparsi irrimediabilmente. Si ha voglia di tirare fuori dal garage la famosa macchina del tempo DeLorean del film Ritorno al futuro e farsi subito un viaggetto con permanenza non temporanea in quei due decenni. Potremmo dimenticare per un po’ lo spettacolo avvilente della politica, non solo italiana.  Continua la lettura di Partito Democratico s.n.c.